Un workshop al Politecnico di Milano dal profondo impatto ecologista

Lo studio Visiondivision, sede a Stoccolma, ha condotto un' interessantissima settimana di workshop presso il Politecnico di Milano, durante il quale i professori ospiti hanno accompagnato gli studenti in un'esplorazione dal profondo impatto ecologista portando in primo piano le questioni ambientali in architettura e nel design

da , il

    Lo studio Visiondivision, sede a Stoccolma, ha condotto un’ interessantissima settimana di workshop presso il Politecnico di Milano, durante il quale i professori ospiti hanno accompagnato gli studenti in un’esplorazione dal profondo impatto ecologista portando in primo piano le questioni ambientali in architettura e nel design. Il risultato è stato chiamato ‘il giardiniere paziente‘, una struttura composta da dieci alberi di ciliegio giapponese che diviene il materiale da costruzione principale per la costruzione di un rifugio a due piani.

    Ci vorrà tempo ma la flessione e la torsione dei tronchi, la potatura e l’innesto saranno gli strumenti utilizzati per controllare e sviluppare la crescita della costruzione nel tempo. Ci si potrà riparare sotto le fronde oppure salire fino al livello superiore per godersi uno spazio a cielo aperto, governato dall’uomo ma pur sempre piacevole per l’aspetto naturale del progetto.

    Gli alberi, scelti un base al periodo dell’anno e alla buona attitudine per il progetto, sono stati piantati intorno a un anello di diametro 8 metri. Una torre temporanea sorgerà al centro dell’anello con corde attaccate alle piante, per tirare con delicatezza e generare una curva che farà abbracciare gli alberi. Anche il corrimano e le scale verranno innestate da alberi da frutta, generando contemporaneamente cibo e funzione statica, per un opera di vero ecodesign.

    Un piano di manutenzione semplice, istruisce quelli che saranno i giardinieri futuro.

    Il risultato finale potrà essere goduto del campus entro 80 anni. Saranno realizzate anche poltrone a base di montagne di terra, d’erba e strutture in cartone, queste saranno fruibili in tempi molto più brevi.