Un design innovativo per l’outdoor cittadino, tra oggetto multi-uso e installazione ambientale

Viene dal lavoro dello studio giapponese 24° un design innovativo per l’outdoor cittadino Crater Lake: un vero e proprio cratere che è un oggetto un multi-uso, un installazione ambientale che è attualmente in mostra fino al 23 novembre 2011 di questo anno alla biennale di Kobe in Giappone

da , il

    Viene dal lavoro dello studio giapponese 24° un design innovativo per l’outdoor cittadino Crater Lake: un vero e proprio cratere che è un oggetto un multi-uso, un installazione ambientale che è attualmente in mostra fino al 23 novembre 2011 di questo anno alla biennale di Kobe in Giappone. Messo al centro di un luogo pubblico con l’acqua del porto artificiale dell’isola di Shiosai, questo cratere ondulato serve come luogo di incontro per tutte le generazioni, offrendo posti a sedere e una piattaforma per ammirare il centro urbano circostante, tra le montagne e il mare.

    Questo progetto è un commento sulla tendenza al ribasso nella realizzazione di spazi per la socializzazione: grazie ad una tecnologia avanzata ma un materiale molto semplice da montare come il legno di cedro, l’installazione si propone di realizzare un forum tridimensionale che faciliterebbe collettiva di interazione e scambio.

    Un oggetto per esterni che ha il pregio di costruire diversi “momenti di fruizione spaziale” creato per mezzo di alti e bassi su una superficie circolare: una piccola montagna che è formata da una parte una superficie che sale e costituisce un riparo e una seduta sul lat opposto. Una collezione di sgabelli di piccole dimensioni che ricordano dei tronchi d’albero appena reciso oppure dei secchi capovolti, conclude il progetto.

    La ripetitività del design facilita la modalità della seduta, la superficie circolare è stata divisa in 20 parti radiali, moduli con struttura interna propria, che sono stati assemblati in loco al momento del bisogno.