Tom Dixon: tavolino dalle forme industriali Roll

Tra i nuovi disegni di Tom Dixon, lanciato al Fuorisalone 2011 di Milano, ci sono dei piacevoli tavolini chiamati Roll

da , il

    Tra i nuovi disegni di Tom Dixon, lanciato al Fuorisalone 2011 di Milano, ci sono dei piacevoli tavolini chiamati Roll. Indistruttibili, destinate ad uso bar o ristorante prendono spunto da forme industriali, sono realizzati per facilitare il carico dei lavoratori grazie a una ruota nascosta che gira sulla base in ghisa, che consente solo al personale di spostarli tra interno ed esterno con il minimo sforzo. Tom Dixon, che ha progettato un intera esperienza per i visitatori di Milano in una sede eccezionale che comprende teatro, centro trasmissioni, ristorante, negozio e galleria, ha permesso ai visitatori di esplorare il variegato mondo dei suoi prodotti per il Fuorisalone .

    Tra tutti i prodotti del nuovo catalogo il tavolino monopiede da bistrot Roll ottiene una medaglia di merito per il suo aspetto “industriale”, rude ma di carattere, capace di evocare suggestioni della Londra ottocentesca e di rimanere un oggetto ludico e attraente.

    Insieme al tavolo Roll c’ è però anche un altro progetto che merita attenzione, la sedia Cast, che presenta anch’essa la struttura in ghisa a vista. Non sono i primi mobili del marchio Tom Dixon ad impiegare questo materiale tuttavia questo uso è da considersi piuttosto insolito.

    Il tavolo presenta una base rotonda che sembra un tombino stradale con scritte in rilievo, cosa che ce lo fa apprezzare particolarmente proprio per la suggestione che produce, mentre la sedia Cast gioca sul contrasto tra la struttura affilata, che richiama i ferri grezzi utilizzati nel campo dell’edilizia, e il morbido rivestimento in stoffa di seduta e schienale.