Punta House di Marcio Kogan in Uruguay

Punta House di Marcio Kogan in Uruguay

Scopri con noi la tranquilla Punta House realizzata da Marcio Kogan nel bel mezzo della campagna arida dell'Uruguay

da in Architetti, Architettura, Focus on Design
Ultimo aggiornamento:

    Sorge in Uruguay la bellissima Punta House di Marcio Kogan. Meravigliosamente chic, particolare, vasta, praticamente una casa da sogno, una di quelle disperse nel bel mezzo della natura, in questo casa in un’arida campagna, e ben lontana da sguardi indiscreti. Ben oltre, dunque, la grande creazione di design, perché la ricerca di uno spazio privato va al di là di ogni immaginazione, sempre più difficile e irraggiungibile e per questo sempre più agognata.

    Il concetto di design proiettato su una singola casa è sempre più ispirato alla sfera privata, alla ricerca di calma e tranquillità, la stessa che ha ricercato Johnson con la sua Glass House e anche quella della creazione di Marcio Kogan. Quest’ultimo è sicuramente un architetto fuori dagli schemi. Non ha sempre operato in questo settore, anzi. La sua laurea in architettura è stata per troppo tempo accantonata, gettata in un cassetto e quasi dimenticata, sin dal 1976. Il cinema si rivelò la sua vera passione ma il primo amore, Kogan, non l’ha mai dimenticato. E così, vicino alla città di Punta Del Leste, ha progettato, creato e realizzato Punta House. Cemento armato, pietra, vetro e legni pregiati, che da sempre hanno caratterizzato l’architettura brasiliana, sono gli stessi che ritroviamo all’interno del progetto di Marcio Kogan. Essenziale eppur scenografica, questa dimora è praticamente perfetta: lontana dagli sguardi altrui e persino riparata dal clima.

    La ‘casa Punta’ si presenta come un parallelepipedo, un’architettura orizzontale che segue esattamente i lineamenti del paesaggio che la circonda, risultando così perfettamente integrata con la natura. La luce ha, come sempre in questi casi, un ruolo fondamentale, invadendo con forza ogni singola stanza.

    Essa è filtrata da pannelli scorrevoli in carabottino. La casa è attraversata da un lungo corridoio. Da una parte c’è la cucina divisa in due, quella più conviviale e quella pensata in senso classico. A seguire il guardaroba e la lavanderia. Dall’altro lato del corridoio ci sono le stanze da letto, ognuna provvista di un bagno. Infine non mancano, alla fine del corridoio due living room, uno più intimo, l’altro pensato per ospitare gli amici. L’arredo è composto da pezzi vintage e oggetti dal design particolare.

    392

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArchitettiArchitetturaFocus on Design
    PIÙ POPOLARI