Poltrone Meritalia: forme ellittiche per Eloisa

Poltrone Meritalia: forme ellittiche per Eloisa

Si chiama Eloisa ed è una collezione di sedute prodotte dal marchio Meritalia

da in In Evidenza, Sedie di Design
Ultimo aggiornamento:

    Si chiama Eloisa ed è una collezione di poltrone prodotte dal marchio Meritalia. Il progetto è del designer Tobia Scarpa, un progettista che da sempre si occupa di Meritalia e cha ha pensato a un prodotto di grande prestigio. Una forma ellittica che non dimentica la necessità funzionali ed ergonomiche descrivendo nello spazio tutto il volume necessario per una seduta come fosse una scultura, Eloisa nasce come poltrona ma si declina in sofà per due o tre persone e anche in un pouf.

    Sollevata da terra con dei puntali asimmetrici e cromati a specchio, sembra galleggiare nello spazio come fosse un ufo. Rivestita con i tessuti più innovativi e con possibilità di abbinamenti bicolore è un pezzo completamente sfoderabile di cui Meritalia va giustamente molto orgogliosa.

    Il nome è “romantico” e rimanda a languide atmosfere, confortevoli.

    La struttura portante di base è realizzata con un profilato metallico stampato per calandratura e verniciato a caldo. Gli schienali imbottiti sono relizzati con strutture portanti in tubolari d’acciaio e schiume poliuretaniche stampate e rivestite con ovatte sintetiche e fodere di finitura.

    Sul perimetro superiore dello schienale viene montato un bordo di cuoio con borchie elastiche che vincolano le singole stecche in legno compensato flessibile.

    Tobia Scarpa è nato a Venezia e dal 1959 opera professionalmente sia per il design che per l’architettura e la sua carriera è ricca di notevoli affermazioni sia in Italia che nel resto del mondo. Tobia Scarpa non distingue i vari modi del progetto, il suo atteggiamento etico è identico sia nel progetto di una piccola poltrona che nella realizzazione di grande architettura.

    301

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN In EvidenzaSedie di Design
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI