Per il Fuori Salone 2012 A15 in via Anfossi propone un vintage iconico [FOTO]

Nello spazio A15 di via Anfossi a Milano, durante il Fuori Salone 2012 ha preso vita una straordinaria esposizione stile vintage in cui hanno trovato spazio gli oggetti icone degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta

da , il

    Claudio Turci si definisce l’Indiana Jones del Design, in questo periodo di forte sperimentazione dove le aziende stanno andando a caccia della loro storia ed identità progettuale. La caccia si concentra soprattutto su quei prodotti icona che col tempo si sono persi. Nasce così, nel settembre 2011 in via Anfossi a Milano, A15: una galleria-spazio di 40 metri quadri di esposizione in continua evoluzione a seconda dei pezzi ed eventi a tema del tutto originali e fuori tempo.

    Orange Peel

    L’esposizione, il cui titolo deriva da un raro disco dei Cure, allestita su progetto di Francesco Rota per il Fuorisalone 2012 in collaborazione con Alicrite, veste A15 d’arancione. Visitarla è un’occasione unica per vedere oggetti di design vintage rari, curati da Claudio Turci, cento oggetti di arti decorative e curiosità del XX secolo, molti dei quali esposti nei più importanti musei del mondo come il MoMa di New York, tutti rigorosamente nel colore originale degli anni ’50, ’60 e ’70, firmati da grandi maestri italiani e internazionali come Colombo, Magistretti, Castiglioni, Zanuso, Mangiarotti, Bellini, Stoppino, Asti, Mari, Paulin, Eames, Panton, Juhl e molti altri ancora.

    La sfida

    Andare alla ricerca di un numero così vasto d’oggetti e complementi d’arredo è stato tutt’altro che semplice. La maggior parte deriva da collezionisti privati ed appassionati che hanno deciso di collaborare con Claudio Turci potendo mettere in vendita i pezzi, permettendo così di trasformare A15 una vera e propria Galleria oltre ad uno store. Si può così ammirare la lampada Nesso di Artemide realizzata negli anni ’60 a confronto con la stessa di dieci anni fa.

    Design Object

    Nella sbalorditiva concentrazione di design, le icone che più colpiscono chi ha passione sono stati i telefoni Grillo e Bobo e le sedie di Verner Panton, prima serie in abs rinforzato dei primi ’70 insieme al tavolino luminoso, così come le diverse scocche in vetroresina di C&R Eames per Herman Miller; che dire poi della poltrona in legno di Joe Colombo per Kartell, cui inedito fu l’uso del materiale, o la lampada Eclissi affiancata alle postume sorelle non realizzate da Magistretti; il battipanni di Gino Colombini ed il tappeto Optical di Panton: tutto, rigorosamente arancione.

    Reinterpretazioni tra design e arte

    In occasione di Orange Peel, tre oggetti vintage sono stati rivisitati con la chiave dell’esposizione. Antonio Verderi ha reinterpretato per Oluce la lampada Minitopo di Joe Colombo per Stilnovo ispirandosi alla lampada Canopy di Francesco Rota (unico pezzo attuale esposto). Sifone di Sergio Asti è stata invece lavorata da Carola Bastetti per Living e Twergi di Mendini per Alessi è stata affidata a Lorenzo e Maria Porro della linea Porro proprio per il connubio dell’oggetto con il legno.

    Sponsor di A15

    Sfondo dell’esposizione, ringraziando Zanotta, sono stati elementi d’arredo in bianco, come il piano d’appoggio Quaderna e altri, offerti dall’azienda come cornice incolore della forza espressiva e caratteristica arancione. Inoltre, per enfatizzare l’atmosfera ludica, giocosa e vibrante di energia tipica degli anni del boom, lo champagne Veuve Clicquot (già presente al Fuori Salone 2010) si affianca ad A15 per i toni di colore ed i progetti di design che spesso intraprende.

    Collaborazioni

    Ernst Knam, celebre maestro pasticcere (tedesco d’origine, ma milanese d’adozione e vincitore nel 2009 del campionato italiano di cioccolateria e capitano della squadra nazionale campione del mondo della gelateria) presenta le sue creazioni in cioccolato ispirate ad Orange Peel: la lampada Eclissi in cioccolato con sfera ruotante, le Colline di Sergio Asti per Gabbianelli e la poltrona Orange Slice di Paulin. Sgranocchiabili ed in miniatura.

    Più letti