Moroso: divano Blur, incertezza nella dimensione e nella struttura

Blur è un divano presentato da Moroso all’ ultimo Salone del Mobile di Milano: un prodotto dalle forme volutamente indefinite, a scomparsa, che vuole mettere in dubbio il concetto razionale di scala, annullando appunto la relazione fra spazio e volumi

da , il

    Blur è un divano presentato da Moroso all’ ultimo Salone del Mobile di Milano: un prodotto dalle forme volutamente indefinite, a scomparsa, che vuole mettere in dubbio il concetto razionale di scala, annullando appunto la relazione fra spazio e volumi. Il gioco è quello di creare un’incertezza nella dimensione e nella struttura del prodotto. Grazie al rivestimento in tessuto stampato con una particolare sfumatura dall’arancio fluorescente al bianco, si evidenzia ancora di più l’indeterminatezza della forma. La struttura è in legno e poliuretano espanso a densità differenziata.

    Il concepì appartiene al designer Marc Thorpe che l’ anno scorso presentò per Moroso un tavolino a sbalzo progettato come una superficie universale altamente flessibile e sollevata, che si accompagna a sedute basse da sala d’attesa.

    Il design minimalista del tavolo è un esercizio di forma puramente funzionale. L’espressione avvolgente del design comunica un dialogo morbido tra l’utente e il prodotto, stabilendo una nuova relazione tra il tavolo e l’arredo circostante.

    Thorpe sostiene che “è il design minimalista che fa di questo tavolo un prodotto vincente, rendendolo meno incentrato su se stesso e più sulle relazioni che riesce a stabilire.”

    Più letti