La mostra Detour Moleskine approda a Tokyo

La mostra Detour Moleskine approda a Tokyo

da , il

    Detour Moleskine è un progetto itinerante che dopo Londra, New York, Parigi, Berlino e Istanbul approda oggi, 16 ottobre, a Tokyo dove il pubblico potrà ammirare e toccare Moleskine d’autore fino al 4 novembre 2009.

    Moleskine è una marca di fama internazionale che identifica una famiglia di taccuini, agende, guide di viaggio che nasce nel 1997 e riprende i famosi taccuini utilizzati dagli artisti e scrittori degli anni passati, da Van Gogh a Pablo Picasso, da Ernest Hemingway a Bruce Chatwin, per annotare appunti e schizzi.

    Dopo la chiusura dell’ultimo produttore francese di Moleskine originali nel 1986, la casa editrice italiana Modo&Modo ha registrato nel 1997 il marchio Moleskine per commercializzare una linea di taccuini con le caratteristiche del modello classico: copertina in cartone rilegata in tessuto di cotone verniciato similcuoio, angoli arrotondati, fettuccia elastica di chiusura e taschina interna a soffietto.

    Dal 1° gennaio 2007, Moleskine è anche il nome dell’azienda proprietaria del marchio registrato in tutto il mondo. Moleskine srl crea, produce e distribuisce il noto taccuino e le sue molteplici filiazioni.

    Il progetto Detour consiste in una mostra itinerante durante la quale vengono esposti i taccuini Moleskine di famosi artisti, designer, scrittori e illustratori.

    Il visitatore non è solo chiamato ad osservare ma è invitato a curiosare tra le pagine, protette ma accessibili, di oggetti unici, realizzati secondo la sensibilità di ciascun autore.

    La mostra, a cura di Raffaella Guidobono, ha iniziato il suo viaggio da Londra nel 2006 per poi arrivare a New York nel 2007, nel 2008 a Parigi e Berlino e l’anno successivo a Istanbul. Ora si è giunti all’ultima tappa di questo grande evento che si tiene a Tokyo dove sono presenti più di 50 capolavori di artisti di livello internazionale tra cui 23 di artisti giapponesi.

    Tra le opere più significative ci sono sicuramente i taccuini di Giuseppe Amato, Ron Arad, Yves Behar, Martí Guixé, Ross Lovegrove, Antonio Marras, Hans Ulrich Obrist, Karim Rashid, Karim Said, Giovanni Sollima e molti altri ancora.

    Si possono così ammirare gli schizzi a matita ed evidenziatore di ritratti di donne, oggetti e disegni mobili di Karim Rashid, gli abbozzi di possibili interni nuovi di Martí Guixé e gli scarabocchi di Ron Arad impressi sul notebook durante la settimana della moda di Milano.

    Il visitatore è così chiamato a toccare con mano il processo creativo e l’autenticità del gesto artistico che porta questi grandi artisti a realizzare importanti opere di design e di architettura.

    Un’occasione unica per curiosare con discrezione fra i segreti dell’arte ed esaltare il taccuino Moleskine come un grande prodotto di design che è stato in grado di sopravvivere nel tempo e confermarsi ancora oggi come oggetto al servizio dell’arte.

    Collegato a Detour c’è inoltre MyDetour, progetto che offre a chiunque la possibilità di presentare il proprio taccuino personalizzato e partecipare alla mostra itinerante.