L’antica Roma nella realtà aumentata dell’Ara Pacis

L’antica Roma nella realtà aumentata dell’Ara Pacis

L'Antica Roma rivivrà nella realtà aumentata dell'Ara Pacis. Grazie alle nuove tecnologie gli elementi reali e la realtà virtuale si fonderanno, regalando al visitatore un'esperienza multisensoriale nell'epoca romana.

    L’antica Roma nella realtà aumentata dell’Ara Pacis

    I fasti dell’antica Roma rivivranno in tutta la loro bellezza, nella realtà aumentata dell’Ara Pacis. Dal 14 ottobre, la visita all’Ara Pacis, il celebre altare costruito tra il 13 e il 9 a.C. dall’imperatore Augusto in onore della Pax instaurata nei territori dell’impero, verrà proposta in una chiave tutta nuova, regalando allo spettatore un viaggio multisensoriale nella Roma che fu. Il progetto, chiamato “L’Ara com’era” è stato organizzato da Zètema Progetto Cultura e sviluppato dagli esperti di Ett s.p.a..

    Dal 14 ottobre l’antica Roma si mostrerà in tutta la sua bellezza nella realtà aumentata dell’Ara Pacis. Il celebre museo inaugurerà un percorso di visite totalmente nuovo che, sfruttando le nuove tecnologie, permetterà allo spettatore un’esperienza multisensoriale che lo immergerà completamente nel periodo dell’Antica Roma.

    L’Ara Pacis, che significa altare della pace in latino, è una delle opere più importanti dell’arte romana. Venne fatta edificare dall’Imperatore Augusto tra il 13 e il 9 a.C. per celebrare le vittorie e la pace ristabilita nei territori del suo Impero.

    Il turista verrà dotato, all’inizio del percorso, di un visore Samsung Gear VR. Questo apparecchio di ultima generazione è in grado di riconoscere le tridimensionalità di bassorilievi e sculture e di elaborare i dati reali con quelli virtuali.

    Sarà così che potrete ammirare le varie opere com’erano originariamente, gli antichi fregi e i colori vivaci dell’Ara Pacis, le parti mancanti dei bassorilievi e addirittura assistere a scene di vita quotidiana dell’epoca, ricostruite sulla base di diverse fonti letterarie e delle rappresentazioni plastiche nella scultura antica.

    Il percorso di visite verrà suddiviso in nove tappe e l’inizio avverrà davanti al plastico del Campo Marzio settentrionale. La particolarità è che gli orari di visita saranno esclusivamente serali, perchè il buio permette di godere al meglio dello spettacolo dei colori e della nitidezza delle immagini.

    Il calendario delle aperture verrà inaugurato il 14 ottobre e resterà attivo per oltre un anno, fino al 30 ottobre 2017. Le visite possono essere prenotate online e organizzate in piccoli gruppi. La durata dell’intero percorso è di 45 minuti e potrà essere scelto in diverse lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco).

    407

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Fiere & Eventi di DesignFocus on Design

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI