Installazione South Face di Massimo Iosa Ghini

South Face di Massimo Iosa Ghini è una suggestiva installazione per Interni Design Energies, che riproduce una soluzione di facciata, esposta a sud, che costituisce un vero e proprio giardino verticale che assorbe CO2 dall’atmosfera, ed è coibenta e isola dall’umidità l’ambiente che racchiude

da , il

    Massimo Iosa Ghini, con il suo celebre studio di design, ha progettato South Face, una suggestiva installazione per Interni Design Energies, esposta qualche mese fa anche alla Statale di Milano.

    Questa affascinante creazione riproduce una soluzione di facciata, che ha lo scopo di rendere il sostenibile bello e possibile.

    Massimo Iosa Ghini ha realizzato la curiosa installazione intitolata South Face pensata per Interni Design Energies.

    L’obiettivo che da anni il designer cerca di perseguire in tutti i suoi progetti, è quello di convincere l’opinione pubblica, che sostenibile, non vuol dire necessariamente antiestetico, ma le nuove tecnologie, e la cura del design permettono di studiare soluzioni molto affascinanti, come quella della facciata riproposta nell’installazione.

    South Face è il risultato di questa costante ricerca verso una progettazione sostenibile che si confronta con i reali sistemi di produzione presenti sul mercato.

    L’installazione esemplifica una porzione di architettura con una soluzione di facciata in funzione dell’esposizione solare e consiste in una parete coibente modulare composta da elementi in ecocemento cavi addizionati di substrato, che accolgono una folta e scenografica vegetazione.

    La facciata, esposta a sud, costituisce un vero e proprio giardino verticale che assorbe CO2 dall’atmosfera, coibenta e isola dall’umidità l’ambiente che racchiude.

    All’interno della struttura, sedute che invitano al riposo e al contatto con la natura, ma soprattutto alla riflessione.