I look dei 10 migliori ristoranti al mondo del 2017

La classifica dei World's 50 Best Restaurants 2017 ci restituisce le votazioni sulle migliori cucine a livello mondiale e noi siamo curiosi di sapere come sono i locali che ospitano i fortunati che qui hanno prenotato una cena. Entriamo all'Osteria Francescana di Massimo Bottura e negli altri ristoranti nelle prime 10 posizioni della classifica 2017.

da , il

    L’annuale lista dei migliori ristoranti al mondo ci permette di sapere dove si mangia bene, ma oggi vogliamo farvi vedere anche i look dei primi nella classifica del 2017. Dal 2002 la rivista inglese Restaurant ci ha abituato a sapere quali sono i locali a livello internazionale dove è d’obbligo recarsi per dare piacere alle papille gustative, ma sorge la curiosità di sapere qual è il design scelto per ricevere i clienti. Vediamo i templi della migliore cucina votati da critici gastronomici, chef e professionisti dell’industria alimentare.

    1. Eleven Madison Park, New York (USA)

    La classifica dei migliori ristoranti del mondo, la World’s 50 Best Restaurant 2017, vede l’Eleven Madison Park di New York e lo chef svizzero Daniel Humm in prima posizione. Ubicato all’interno del Metropolitan Life North Building, il ristorante gode di un ambiente ampio e spazioso di ispirazione Art Deco ed è caratterizzato da ampie finestre e da soffitti altissimi.

    2. Osteria Francescana, Modena (Italia)

    L’Osteria Francescana a Modena vede opere d’arte nei piatti e appese alle pareti, e l’atmosfera e l’ambientazione tranquille e silenziose permettono di goderne appieno.

    3. El Celler de Can Roca, Girona (Spagna)

    Il ristorante El Celler de Can Roca si trova nella cittadina medievale di Girona e accoglie i suoi clienti in ambienti moderni con ampie pareti di vetro e candide tovaglie bianche.

    4. Mirazur, Menton (Francia)

    Il ristorante Mirazur si trova in Costa Azzurra e gode di un’elegante vista sul litorale e la città vecchia di Mentone dalla sua posizione a picco sul mare. Ubicato in un grande edificio degli anni ’30 gode anche di un giardino terrazzato e di un orto dove lo chef attinge le materie prime per i sui piatti.

    5. Central, Lima (Perù)

    Il ristorante Central prima nel quartiere di Miraflores è oggi nel distretto di Barranco a Lima. Uno spazio complessivo molto più grande della precedente ubicazione con tre le sale: il ristorante, uno spazio per la ricerca, uno per gustare la cucina di Pia Leon, la compagna dello chef peruviano Virgilio Martinez.

    6. Asador Etxebarri, Atxondo (Spagna)

    Oltre ad essere considerato il tempio della griglia, il ristorante spagnolo Asador Extebarri è celebre anche per l’ottima vista che offre sui rilievi circostanti. Ubicato in un casolare spartano immerso nella campagna nei dintorni di Bilbao che ricorda un bar di paese, fa del legno, della pietra e del fuoco i suoi elementi di forza.

    7. Gaggan, Bangkok (Thailandia)

    Il ristorante Gaggan dello chef indiano Gaggan Anand è ubicato in un edificio in stile coloniale che riporta la clientela indietro di qualche secolo. Dai vecchi pavimenti in legno agli arredi di bambù passando per i ventilatori a pala sul soffitto, qui è possibile gustare un eccellente cucina asiatica anche in un’elegante sala privata.

    8. Maido, Lima (Perù)

    Ubicato a Miraflores, uno dei quartieri più ricchi di Lima, il ristorante Maido gode di un’atmosfera calda e suggestiva riscaldata dai piatti della tradizione culinaria giapponese dello chef Mitsuharu.

    9. Mugaritz, San Sebastian (Spagna)

    Il ristorante Mugaritz si trova in una cittadina vicina ai Pirenei ed è ubicato in un vecchio caseificio, con interni dal gusto neorustico. Aperto da metà aprile a metà dicembre e immerso fra colline e boschi, gode anche di uno spazio esterno con zona dining e living per poter godere della bellezza della natura circostante.

    10. Steirereck, Vienna (Austria)

    Il super premiato Restaurant Steirereck al decimo posto dei World’s 50 Best Restaurants è stato oggetto di una ristrutturazione da parte dello studio di architettura viennese Ppag Architects, che ha visto l’ampliamento nei giardini dello Stadtpark di Vienna, una nuova cucina-laboratorio e un terrazzo verde sul tetto.