Herzog & de Meuron firmano la corona squamosa del museo delle culture di Basilea

Herzog & de Meuron firmano la corona squamosa del museo delle culture di Basilea

Gli architetti Herzog & de Meuron hanno firmato il museo delle culture di Basilea con una corona squamosa che copre la parte superiore di un edificio rinnovato e riaperto nel mese di settembre che espone reperti etnografici e immagini provenienti da tutto il mondo

da in Architettura, Designer
Ultimo aggiornamento:

    Gli architetti Herzog & de Meuron hanno firmato il museo delle culture di Basilea con una corona squamosa che copre la parte superiore di un edificio rinnovato e riaperto nel mese di settembre che espone reperti etnografici e immagini provenienti da tutto il mondo. Le archistar provenienti dalla Svizzera hanno aggiunto un nuovo piano alla costruzione, sotto un tetto ripiegato e irregolare di scintillanti piastrelle di ceramica di un verde nerastro si celano nuovi spazi. Il Museum der Kulturen di Basilea risale alla metà del XIX secolo su un monastero agostiniano, l’edificio classicista è diventato il “Museo universale“, progettato per alloggiare sia le scienze che le arti, detiene ora una delle più importanti collezioni etnografiche in Europa.

    Estendere l’architettura del museo in senso orizzontale avrebbe significato ridurre le dimensioni del cortile interno invece è stato composto un nuovo tetto che richiama il paesaggio di tetti medievali in cui è incorporato e allo stesso tempo diviene un chiaro segno di rinnovamento nel cuore del quartiere.

    Le piastrelle esagonali, alcune delle quali con texture tridimensionale, rifrangono la luce anche quando il cielo è nuvoloso, creando un effetto molto simile a quello delle piastrelle mattoni dei tetti del centro storico. La struttura d’acciaio ripiegato del tetto consente la disposizione di una galleria che è uno spazio fortemente espressivo in contrasto con la tranquillità delle gallerie ai piani sottostanti.

    L’ingresso avviene ora attraverso il cortile dove un piano dolcemente inclinato conduce al Museo attraverso una selva di piante pensili e rampicanti che danno al cortile un’atmosfera particolare e, di concerto con il tetto, una nuova identità.

    296

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArchitetturaDesigner
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI