Arredamento moderno: Lockheed Lounge Chaise di Marc Newson

La Lockheed Lounge Chaise di Marc Newson è uno storico pezzo di design di Marc Newson, che ha recentemente trovato una collocazione segnando la chiusura d'asta alla cifra strabiliante di 105

da , il

    La Lockheed Lounge Chaise di Marc Newson è una seduta stravagante e molto ma molto moderna, o meglio futuristica.

    Questo storico pezzo di design è stato presentato da Christie’s ai suoi clienti, pochi mesi fa, ed è stata aggiudicata per la cifra di 105.000 dollari.

    La sua figura irregolari è formata da curve continue attorno ad un guscio di vetroresina rivestito con lastre di alluminio che vengono forgiate martellandole e fissate a mano con rivetti ciechi.

    Una lavorazione complessa e decisamente originale.

    Oggi vi parliamo della nascita e della movimentata storia di questa seduta.

    Nel 1999 la casa d’aste Christie’s aveva provato a venderla a 35.000 sterline, ma rimase invenduta, nonostante fosse comparsa in un videoclip di Madonna pochi anni prima per il lancio del brano “Rain”.

    A distanza di 10 anni, il primo importante progetto di Marc Newson ha trovato una collocazione segnando la chiusura d’asta alla cifra strabiliante di 105.000 dollari (75.200 euro). Ma come è possibile? Merito del suo ideatore!

    Marc Newson ideò nel 1984 questa seduta, in occasione della discussione della sua tesi di laurea al Sydney College of the Arts.

    Pochi anni dopo apparve in una galleria di Sydney in versione commerciale, prodotta in edizione limitata a soli 10 pezzi, e alla fine degli anni ’80 era diventata un’icona del design internazionale.

    Questo è avvenuto perché in questi venti anni di carriera, Marc Newson è diventato uno dei designer di spicco nel panorama mondiale, e nel 2005 è stato inserito tra i primi 100 uomini più influenti al mondo dalla rivista Time.

    Newson segue uno stile di progettazione, noto come biomorfismo, dove mescola flussi di linee, traslucidità, trasparenza e assenza di spigoli vivi per creare un design ergonomico.

    Foto: