Arredamento anni 70: un ritorno al passato con stile

Arredamento anni 70: un ritorno al passato con stile

Arredamento anni 70: idee e suggerimenti per un ritorno al passato con stile

da in Arredamento, Come arredare, Interior Design
Ultimo aggiornamento:

    L’arredamento anni 70 è caratterizzato dall’utilizzo di tonalità molto forti, il verde brillante, il turchese, il giallo oro e il marrone. Per questo l’uso del bianco e del nero non viene spesso impiegato, tinte sostituite da fiori e decorazioni che la fanno da padrone soprattutto in bagno e in camera da letto. Nella zona notte coperte e accessori con disegni grandi e luminosi con motivi grafici sono protagonisti. Arredi e complementi, invece, sono lucidi, di vetro o anche di pelle, così come di metallo e legno. Il design nel 1970 utilizza molto i materiali plastici per l’arredamento, così come il teak e il pino.

    La zona cucina è arredata con sgabelli decorati in stile americano da abbinare al tavolo, inoltre, si vede la comparsa di nuovi modelli di piattaie colorate con tinte sgargianti come l’arancio, uno dei colori più di tendenza negli anni 70. Normalmente gli arredi della cucina sono di legno scuro e lucido, mentre le sedie in stile anni 70 hanno uno schienale alto, spesso rivestito in vinile brillante. Gli spazi sono molto ampi per ospitare grandi armadi, per questo viene sfruttato anche il controsoffitto. In cucina molti avevano l’angolo colazione o quella che più comunemente oggi chiamiamo ‘isola’.

    Molti gli accessori utilizzati ed esposti, le candele in primis, divise in gruppi da tre o da cinque in varie dimensioni, idea di decorazione molto utilizzata anche oggi.

    L’arredamento anni 70 è stato molto influenzato anche dal movimento di ritorno alla natura, nato come da un rifiuto nei confronti del consumismo e del materialismo. Molto architetti dell’epoca sono stati i primi ad adottare le tecnologie a basso consumo energetico e a concepire le abitazione come organismi connessi all’ambiente circostante. Diffusi i lucernari e le grandi finestre, come lo erano i giardini interni e i camini in pietra. È negli anni 70 che nasce anche il concetto di ‘living open space’, spazi a doppia altezza, soggiorni aperti e ingressi molto ampi. In molte case compaiono scale a chiocciola o sospese, balconi interni al secondo piano e soffitti a volta.

    Il 1970 fu il periodo del colore nella progettazione di interni, ogni camera era un’esplosione di tinte vivaci. Lampade, pareti, mobili, accessori di ogni tipo, il multicolor non risparmiava nulla! Nella galleria fotografica tante idee di arredamento anni 70: un ritorno al passato con stile.

    416

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArredamentoCome arredareInterior Design

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI