Anticipazioni Salone del Mobile 2012: novità di prodotto per Ligne Roset [FOTO]

Importanti novità al Salone del Mobile 2012 per l’azienda francese Ligne Roset

da , il

    Ligne Roset, l’azienda francese che ha compiuto 150 anni qualche anno fa, si presenterà all’appuntamento con il Salone del Mobile 2012 di Milano con importanti novità di prodotto, tra cui spiccano una poltrona particolare, una sedia a dondolo e una scrivania. ‘Okumi’ progettata dallo Studio Catoir è una poltrona di design, il cui nome prende ispirazione da quella parte di tessuto frontale che si inserisce sotto il collare del kimono giapponese.

    Cosi come l’okumi nei kimoni, nella poltrona di Ligne Roset è proprio quel lembo di tessuto unico che ricopre lo schienale e i braccioli, a darne il segno distintivo che la rende unica e particolare. La struttura è realizzata in pregiato faggio massello tinto, disponibile nei colori nero, antracite e rosso. Il tessuto che ricopre la poltrona è completamente sfoderabile.

    Le linee essenziali e l’attenzione alla struttura sono prerogative del marchio Lignet Roset, tratti distintivi presenti anche in uno degli ultimi prodotti presentati, il divano letto Janus progettato dal designer Pascal Mourgue.

    La sedia a dondolo ‘Dérive 2’ del designer Pierre Paulin, il cui nome è ispirato ad un’ opera musicale del compositore e direttore d’orchestra francese Pierre Boulez, era stata realizzata a titolo privato in soli due esemplari. Una per Claude Pompidou e l’altra per lo stesso Pierre Boulez. Ligne Roset ha deciso di realizzarla in serie tenendo fede ai disegni originali.

    La seduta e lo schienale sono realizzati in MDF e assemblati tramite staffa in acciaio; i fianchi in multistrato colorato sono uniti da sei traverse in faggio massello tinto. L’inclinazione e la curvatura ergonomica sono state studiate nel dettaglio, con particolare precisione per la zona poggiatesta e poggia reni.

    L’ultimo prodotto che merita di essere segnalato si chiama La Secrète ed è una bellissima scrivania che richiama in chiave moderna gli scrittoi d’altri tempi. Il progetto porta la firma di Philippine Dutto. La particolarità è duplice. La scrivania infatti è facilmente utilizzabile nella parte superiore anche per scrivere stando comodamente in piedi.

    Inoltre è dotata di un portadocumenti che crea spazio durante l’utilizzo, di un cassetto esterno da usare come porta oggetti ed è stata studiata appositamente per essere perfetta come supporto per PC portatili con un formato fino a 17,3”.

    I cavi possono essere facilmente nascosti nella parte posteriore chiusa e grazie ad una foratura nel pannello è possibile far passare i fili, senza creare il disordine visivo che disturba l’estetica di una casa.

    Le novità in casa Ligne Roset continuano direttamente al Salone del Mobile.

    Più letti